NINA BUCIARDA

 La Marietta, portiera a via Frattina, de ciarle de palazzo è ‘na miniera, sparla de tutti da matina a sera e dice ch’è rimasta signorina.   Ricconta a tutti che donn’Annunziata chiama ‘r dottore per un doloretto, lui l’aritrova ignuda drent’ar letto e j’arimedia ‘na visita accurata.   Ma ‘na sera, smicciando la guardiola, l’ho vista scapricciasse sul piròlo mentre … Continua a leggere

AR MERCAT DE ROSETTA

AR MERCATO  DE ROSETTA    Dicheno ch’ar mercato è mejo l’omo le donne  co’ la puzza sott’ar naso, quelle madame che, si ce fai caso, pe’ fa la spesa cianno ‘r maggiordomo.   Vojo, ‘nvece, sentì quanno ch’arivo, er fruttarolo che venne la cerasa gridà che nun cestà l’amico ‘n casa, o ‘r pesciarolo strillà che ce l’ha vivo.    … Continua a leggere

Li bagni

LI   BAGNI   Li bagni, ‘n tempo, ereno abbluzzioni nun  solo pe’ l’iggene corporale ma, sarvongnuno, un sacro rituale prima de vaticini e d’ orazzioni.   Pe’ ‘na raggione loro de rispetto, puro li miscredenti musurmani se sciacqueno li piedi co’le  mani e ginocchioni  pregheno Maometto.   Adesso er bagno se fa sortanto ar mare, er semicupo ‘n casa è … Continua a leggere

ER CAMBIO DE LA GUARDIA

Doppo le elezzioni ‘n Lombardia Milano è addiventata tutta rossa, so’ iti li compagni a la riscossa cor primo cittadini Pisapia.   Dappertutto ‘n tripudio generale, le campane che soneno a rintocchi, l’incenzo e la porvere ne l’occhi che tutt’intorno sparge ‘n Cardinale.   Ma dar caretto de li vincitori, devi da sta ‘n campana sor Giuliano si quarcosa nun va … Continua a leggere

ER CONDONO

Adamo e Eva ereno ‘nammorati co’ ‘n sentimento libbero e innocente, ma, ‘n giorno, pe’ quer boja de ‘n serpente, a lagrime e sudore condannati.   Si, putacaso, mò, smicci er giornale ritrovi drento le peggio ‘nfamità, anche ner nome de la libbertà, artro che ‘r peccatuccio origginale.   Sarebbe stato mejo ‘n ber condono, scuseme Padreterno si lo dico, … Continua a leggere

LA MALA MELA

Dice ‘n vecchio proverbio popolare che si te magni quarche mela ar giorno te levi tutti i medichi de torno perché sarebbe ‘n frutto salutare.   Però dar Padreterno era pribito e ‘n Paradiso, addio vita beata pe’ corpa de ‘na mela rosicata: ‘n ber premio p’avé disubbidito.   Quanno ricconti a quarche creatura la storia de la mela avvelenata … Continua a leggere

Giove bastardo

Giove Pluvio, signore de l’ombrelli, tiranno dell’Olimpo de mestiere, era sempre ‘ngrifato, ‘n puttaniere che buggerava ninfe e pastorelli.   ‘N celo,’n tera, inzino ‘n mezzo ar mare, incesti, stupri, abbuso de minori, ne combinava de tutti li colori, er monno era ridotto ‘n lupanare.   Er peggio sbajo fu a miss Universo quanno che diede ‘n pomo tra le … Continua a leggere

LA spesa

S’annava ‘n tempo dar pizzicarolo ch’er preciutto te lo tajava a mano e, mentre spizzicava er parmiciano, du’ chiacchiere ce stveno a faciolo.   La spesa se fa mò ar supermercato, purtroppo sò finiti i tempi belli, corono tutti appresso a li carelli cercanno quarche prezzo ribbassato.   Siccome ciànno prescia tutti quanti, te devi mette ‘n mano li bajocchi sinnò … Continua a leggere

LI Baffi

A scola mai nisuno cià ‘nzegnato, puranche se ce crede San Tommaso, che chi fa cresce i peli sott’ar naso è dar potere spesso assatanato.   Credenno ne sortisse ‘na cuccagna, ‘na vorta tutt’er popolo cojone gridava ‘n piazza: – addavenì Baffone e doppo ce bevemio la sciampagna.-   Quann’è vienuto er crucco caporale er monno l’ha ridotto ‘n cimmitero, più peggio … Continua a leggere

er giornalista I

  ER GIORNALISTA  (I)   C’era ‘na vorta er giornalista vero Ch’ ariportava li fatti tale e quale, doppo li concrudeva, bbene o male,  ma senza sputtanà l’artrui pensiero.                                    .   Oggi ce stanno, ‘nvece, li Santoni che pare che te leggono er messale, baccajano ch’er popolo sta male e intanto se  guadambiano mijioni.   Ma c’è da fa’davero ‘n … Continua a leggere